28/07/2021

GREEN PASS

♻️♻️DECRETO GREEN PASS♻️♻️ Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al nuovo Green pass che sarà OBBLIGATORIO dal 6 AGOSTO con almeno una dose di vaccino (o tampone negativo) per tutti i cittadini che hanno più di 12 anni. ⚠️Il green pass avrà VALIDITÀ: ▶️ dal quindicesimo giorno dopo la somministrazione della prima dose e per 9 mesi dalla seconda ▶️a seguito di un tampone eseguito entro le 48 ore precedenti ▶️per guarigione dal Covid avvenuta nei sei mesi precedenti. ❗❗DOVE SARÀ RICHIESTO IL GREEN PASS 🔸️Nei ristoranti al chiuso sia per i clienti, sia per i lavoratori. 🔸️nei bar al chiuso quando ci si siede e si consuma al tavolo.(se al bancone non è richiesto). Valido sia per i clienti che per i lavoratori. 🔸️per gli spettacoli, gli eventi e le competizioni sportive. 👉Posti a sedere preassegnati per spettacoli. In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all'aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale. L' accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid. 🔸per ️i musei, gli altri istituti e luoghi della cultura 🔸nel️le piscine, palestre, centri benessere e centri termali 🔸️nelle fiere, sagre, congressi 🔸️nei parchi tematici e di divertimento 🔸ne️i centri culturali, centri sociali e ricreativi, le attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò, e per gli accessi ai concorsi. 👉Il green pass NON servirà per entrare nei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione. 💃🕺le discoteche restano chiuse ➡️I NUOVI PARAMETRI ✔per passare in zona GIALLA, il riferimento sarà almeno il 10% dei posti occupati in terapia intensiva e 15% area medica(ospedalizzazioni). ✔Per andare in ARANCIONE 20% terapia intensiva e 30 % area medica. ✔Per la ROSSA 30% in terapia intensiva e 40% area medica. ➡️CAPIENZA SPETTACOLI CULTURALI ✔In zona bianca, la capienza consentita per gli spettacoli culturali non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso. ✔In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. ➡️CAPIENZA EVENTI SPORTIVI ✔In zona bianca, la capienza consentita per gli eventi sportivi non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso. ✔ In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 2.500 per gli impianti all’aperto e a 1.000 per gli impianti al chiuso. ➡️LE SANZIONI👮‍♂️👮‍♀️ In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni. ➡️TAMPONI a prezzi bassi Il Commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19 definirà con il Ministro della salute un protocollo d’intesa con le farmacie e con le altre strutture sanitarie per assicurare fino al 30 settembre 2021 la somministrazione di tamponi rapidi a prezzi contenuti che tengano conto dei costi di acquisto. ➡️STATO DI EMERGENZA Lo stato di emergenza è ulteriormente prorogato fino al 31 dicembre 2021 ➡️SCUOLA, TRASPORTI, LAVORO Fuori dal decreto i temi di trasporti, scuola e lavoro. Così si è espresso Draghi in conferenza stampa. «A noi è parso che il decreto di oggi fosse già molto complicato per abbracciare tutti i problemi: scuola, trasporti e lavoro sono rimasti fuori dal decreto di oggi e saranno affrontati molto rapidamente, forse la settimana prossima. Richiedono provvedimenti specifici».

Leggi tutto

torna all'inizio del contenuto